DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

di | 4 November 2015

LA CAMERA dei deputati italiana ha approvato oggi due distinte mozioni per promuovere la Dichiarazione dei diritti in Internet in vista dell’Internet Governance Forum che si terrà in Brasile dal 9 al 13 novembre.

Il sottosegretario alle telecomunicazioni Antonello Giacomelli è intevenuto in aula, per sostenere l’iniziativa che “impegna il governo ad attivare ogni utile iniziativa per la promozione e l’adozione a livello nazionale, europeo e internazionale dei princìpi contenuti nella Dichiarazione adottata il 28 luglio 2015 dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet istituita presso la Camera dei deputati italiana; a promuovere un percorso che porti alla costituzione della comunità italiana per la governance della rete definendo compiti e obiettivi in una logica multistakeholder.

La Dichiarazione dei diritti era stata precedentemente approvata il 28 luglio 2015 da una Commissione di studio ad hoc promossa dalla Presidenza della Camera composta da deputati attivi sui temi dell’innovazione tecnologica, studiosi ed esperti, operatori del settore e rappresentanti di associazioni dopo una serie di audizioni e una consultazione pubblica durata cinque mesi.

La Commissione di studio della Camera ha inoltre approvato una Dichiarazione congiunta con la Commissione dell’Assemblea nazionale francese in cui si afferma, a livello internazionale, il concetto di internet quale bene comune mondiale. Nella mozione, sottoscritta da gruppi parlamentari di maggioranza e di opposizione, si definisce Internet come “uno strumento imprescindibile per promuovere la partecipazione individuale e collettiva ai processi democratici e l’eguaglianza sostanziale”.

A questo punto nasce spontaneo il commento : perchè 2 Dichiarazioni che in alcuni punti sono contrastanti ?

Il tema più citato è stato quello della neutralità della rete. Secondo il centrista onorevole Mario Marazziti invece nella carta, di cui condivide i contenuti, manca un esplicito riferimento alle libertà economiche. L’articolo 4 “Neutralità della rete”, recita: “Ogni persona ha il diritto che i dati trasmessi e ricevuti in Internet non subiscano discriminazioni, restrizioni o interferenze in relazione al mittente, ricevente, tipo o contenuto dei dati, dispositivo utilizzato, applicazioni o, in generale, legittime scelte delle persone.” E al secondo comma “Il diritto ad un accesso neutrale ad Internet nella sua interezza è condizione necessaria per l’effettività dei diritti fondamentali della persona.”

Gli altri articoli della Carta invece riguardano il Diritto di accesso, alla conoscenza e all’educazione in rete, ma soprattutto alla Tutela dei dati personali, all’autodeterminazione informativa, all’inviolabilità dei domicili informatici, all’anonimato, all’oblio e alla sicurezza in Rete.

Categoria: Open Forum Tag:, ,

Informazioni su Agostino Oliveri

Agostino Oliveri Data Protection Officer – Privacy Consultant e Auditor Certificated (Num. Reg. DPO 1529 secondo gli standard UNI CEI EN ISO IEC 17024:2012 e 17065:2012 e disciplinato ai sensi legge 4/2013) We work mainly in the field of IT SECURITY with the provision of services and solutions to some penetration testing and security baseline. We provide consultancy to achieve the adjustments required under the law in the area of ​​security of data processed by computer equipment, law 196/2003 (the new Privacy Code undergoing change), law 231/2001 (protection from company computer crimes), adaptation of security bodies to DM 1.12.2010 num. 269, preparation of the feasibility study and business continuity plan in accordance with Article. 50-bis of the Administrative Code digital support for all matters related to the DL 33/2013 on Transparency and L. 190/2012 Anticorruption, we offer consultancy for achieving quality certification according to ISO 9001 and safety according to ISO 27001 certification for information and services for STAR mode CLOUD COMPUTING. I think the significant experience gained with multinational companies has allowed us to achieve a certification of expertise in some areas and very important issues and I think it can be a path to significant and important to share. Then in the light of the many regulatory changes that will have a very important impact on companies, I believe we need a prudent approach and prior verification and certification of existing solutions adopted in order to avoid incurring heavy fines in addition to the guarantee of safety of its corporate assets.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.